Le tipologie di tarocchi


Ai giorni nostri conosciamo i tarocchi come uno strumento utilizzato da maghi e cartomanti ma in origine i tarocchi sono invece un0eccellenza tutta italiana di un antico gioco di carte. Esistono tantissimi mazzi di tarocchi che possono offrire il massimo nel consulto, nessuno probabilmente conosce tutte le tipologie ma in questo articolo sveliamo solo per voi quelli più famosi.


Partiamo con i tarocchi bolognesi, dove  le carte sono state ridotte, nell'originario gioco questo metodo permetteva di rimuovere di ogni seme dal 2 al 5 e in questo modo è stato creato solo un mazzo di sessanta due carte.
I germini fiorentini


Nell'epoca del 1500 a Firenze nacque anche una variante ai tarocchi classici ovvero i Germini. Questo mazzo ha un numero davvero elevato di carte pari a 97, mentre un mazzo classico ne ha solo 78.  Per quale motivo questa differenza sostanziale? semplicemente perché il numero dei Trionfi è passato da 22 a 41.
All'interno di questo mazzo sono stati aggiunti 12 segni zodiacali, i 4 elementi ed altre figure.


Il tarocchino siciliano


E' una versione simile ai classici tarocchi, dove le carte sono sicuramente inferiori ma che rispetta la versione classica dei tarocchi originali.


I tarocchi francesi


Non vi è mai capitato durante un consulto di vedere tarocchi con nomi in francese? Questo è dovuto al fatto che la Francia fu uno dei primi paesi in cui queste carte si diffusero velocemente. La loro diffusione in questa nazione iniziò nel 1400 quando Carlo VII invase il ducato di Milano.


I tarocchi marsigliesi


Ovviamente ecco il mazzo più conosciuto in tutto il mondo, visto che la sua diffusione fu popolare in pochissimo tempo. Pensate che grazie ad alcuni ritrovamenti storici i tarocchi ritrovati erano molto simili a quelli chiamati Tarocchi Italiani.


I Tarocchi Tedeschi


Queste carte arrivano in Germania solo dopo un pò di tempo rispetto alla Francia, furono adattati alle tradizioni popolari della Germania, dotati da caratteristiche uniche e originali.